Logo
Immagine voce

Alto Adige - Lago Di Caldaro Kalterersee doc Classico Kettmeir

Vinificazione: in rosso con macerazione delle bucce per 5-6 giorni alla temperatura di 23-25 °C. Dopo la svinatura il vino giovane viene travasato in recipienti di acciaio, dove si attuano la fermentazione malolattica e l’affinamento fino all’imbottigliamento
Colore rosso rubino scarico, profumo gradevole e fruttato con leggeri sentori di viola, sapore morbido, con bel finale di mandorla amara e ciliegia. Abbinamenti: vino da tutto pasto, si consiglia particolarmente con primi alle verdure, carni di coniglio e pollo e con il tradizionale speck. Gradazione: 13°

Immagine voce

Abruzzo - Masciarelli Villa Gemma Cerasuolo 75 Doc Vendemmia 2022 13.5°

Il profilo olfattivo seduce per la fragranza e la delicatezza degli aromi di piccoli frutti di bosco e ciliegia, impreziositi da eleganti cenni floreali. Il sorso è croccante e accattivante, con frutto fragrante, viva freschezza e nitida vena sapido minerale. Il finale è piacevolmente persistente.

Immagine voce

Alto Adige DOCG - Pinot Nero Mazon di Kollerhof 2019

Il Pinot Nero Mazon di Kollerhof viene prodotto con coltivate sull'altopiano di Mazon comune di Egna, vocatissima zona per la produzione del Pinot Nero. La macerazione viene svolta in acciaio mentre l'affinamento avviene in botti per almeno un anno a cui fa seguito una ulteriore sosta in acciaio prima dell'imbottigliamento. Dal tipico colore rosso rubino scarico, al naso presenta un bouquet ricco e fruttato con note intense d ciliegia e frutti di bosco. Al palato è fresco e di grande eleganza, con tannini leggeri

Immagine voce

Basilicata - Aglianico del Vulture DOC "Re Manfredi"-Taglio del tralcio

Alla vista si presenta rosso rubino con riflessi violacei. Al naso si esprime con note di confettura di ciliegia e amarena. Al palato risulta morbido e rotondo, con un ottimo equilibrio dei tannini e con una spiccata e piacevole sapidità.

Immagine voce

Lazio - L'avventura Campanino Cesanese Del Piglio Docg 2020 Superiore 13,5°

Un rosso rubino intenso, al naso si sente viole e frutti rossi, con sentori balsamici di eucalipto. Consigli d'utilizzo: Per accompagnare salumi dell'aperitivo e formaggi freschi. Per primi a base di carne.

Immagine voce

Lazio - L'avventura Picchiatello Cesanese Del Piglio Docg 2019 Superiore 13°.

Si tratta di un rosso generoso, di grande prontezza, vibrante e materico. Colore rubino con riflessi violacei, regala al naso profumi di ciliegia sotto spirito, nuances di macchia mediterranea , torrefazione e cenni di pepe. Al palato risulta fine, pulito ed equilibrato.

Immagine voce

Lazio - L'avventura Amor Cesanese Del Piglio Docg 2020 Super. 14°

Il Cesanese del Piglio Superiore DOCG "Amor" dell'azienda agricola L'Avventura è un vino vellutato, sinuoso al gusto ed energico. Affinato per circa 6 mesi in barrique, vanta una struttura importante, che assicura profondità anche per gli anni a venire.
Rubino, con riflessi violacei. Al naso si esprime con sentori di frutti rossi maturi, note di rosa rossa, cenni di rabarbaro e spezie. Al palato si rivela morbido e avvolgente, pieno, elegante e persistente.
Ottimo in abbinamento alle carni rosse, in umido e alla griglia, si sposa bene anche con i formaggi stagionati

Immagine voce

Lombardia - Bonarda Dell'Oltrepò Pavese Doc 2020 Vanzini 13°

All'olfatto salgono profumi fruttati intensi di mora e lampone. Il gusto è decisamente strutturato, elegante e morbido, con retrogusto mandorlato e fruttato di prugna. Vino leggermente frizzanti e vivace. Persistenza retro olfattiva molto marcata. Perfetto con carni in generale, ottimo con selvaggina e brasati, ideale con formaggi stagionati.

Immagine voce

Piemonte - Barolo Docg 2017 - Ceretto

Descrizione
Il Barolo di Ceretto è un vino rosso prodotto da uve nebbiolo nel cuore delle Langhe, un’interpretazione tradizionale del “grande vino italiano” per eccellenza.

La famiglia Ceretto è proprietaria di diverse tenute nel cuore del Piemonte e in particolare questo Barolo è prodotto nella Tenuta Monsordo Bernardina, alle porte della città di Alba.

Si tratta di un grande rosso assemblato con il concetto storico di produzione del Barolo. Devi sapere infatti che in passato il Barolo veniva prodotto con uve provenienti da diversi comuni all’interno della denominazione, tendenza che si è ribaltata negli ultimi anni, in cui si è iniziato a produrre per ogni singola vigna un solo ed unico vino - in stile cru di Borgogna per intenderci.

Nel suo Barolo, Ceretto unisce diverse anime (territori) di Langa: è sull’onda di questo impeto tradizionale che coesistono nello stesso bicchiere le due facce della denominazione - quella gentile, propria dei vigneti posti nella parte occidentale della regione - e quella più austera, tipica delle terre che guardano a oriente.

La scelta di voler tratteggiare in un vino i lineamenti di un intero territorio dona un liquido sfaccettato, ricco e virile, capace di esibire il proprio carattere in gioventù e sfidare l’evoluzione con il giusto slancio.

Perché dovresti berlo
Barolo di Ceretto è un vino setoso ed elegante, che rappresenta al meglio lo stile di Ceretto che negli anni è sempre di più alla ricerca di equilibrio nel Barolo: struttura unita alla finezza.

Un vino per gli amanti dei grandi nebbiolo, ma soprattutto un vino per i grandi amanti del buon bere.

Quando Stapparlo
Il Barolo è storicamente il vino del giorno importante, quello delle feste o dei momenti speciali.

Ceretto ci dona un vino completo, ma con il giusto rapporto prezzo per godere di un “grandissimo” senza aspettare la tredicesima.

Come berlo
Questo Barolo di Ceretto è un vino ricco e virile che può essere degustato da giovane ma che, da veri appassionati, potremmo gustare ancora di più fra qualche anno.

Vinificazione e Affinamento
Fermentazione alcolica e malolattica in vasche d'acciaio a temperatura controllata; segue un affinamento di 12 mesi in tonneau di rovere e 12 mesi in acciaio.

Territorio
Barolo prodotto con uve provenienti dalle diverse anime della Langa del Barolo: da Barolo stessa a Serralunga e La Morra.

I vigneti usati per la produzione del Barolo devono rispondere a precisi requisiti, come essere coltivati su terreni argillosi o calcarei, di tipo collinare, escludendo quelli di fondovalle, umidi, o non sufficientemente soleggiati. L’altitudine ideale per le vigne di nebbiolo è compresa tra 170 e 540 m s.l.m. con una densità di reimpianti non inferiore a 3500 ceppi/ha e una buona esposizione (da escludere quella a nord).

Suolo
Il territorio è caratterizzato da marne calcaree, ovvero rocce sedimentarie composte da argilla e carbonato di calcio e da rocce sedimentarie sabbiose definite comunemente arenarie.

Immagine voce

Piemonte - Ceretto Barolo 2017

I Ceretto hanno giocato un ruolo fondamentale nella storia moderna del Barolo da quando Riccardo Ceretto ha fondato la tenuta di famiglia nel 1930. I figli di Riccardo, Bruno e Marcello, hanno aiutato ad anticipare la tendenza dei vini di proprietà imbottigliati in singole vigne, che è una delle caratteristiche distintive del Barolo di alta qualità oggi. La terza generazione è ora a capo della proprietà, prendendosi grande cura dei 160 ettari di vigneti della famiglia in modo che possano essere tramandati alla prossima generazione.
Questo è il classico Barolo di famiglia che è fatto con frutta di alta qualità dai leggendari comuni di La Morra, Barolo e Serralunga d'Alba. Le viti sono coltivate biologicamente per massimizzare la qualità e la frutta viene fermentata in vasche di acciaio inox a temperatura controllata. Dopo 12 mesi in tonneaux e altri 12 mesi di invecchiamento in botti di legno il vino viene finalmente imbottigliato.
Il lungo processo di invecchiamento aiuta a creare un Barolo elegante ed equilibrato con ampie note di ciliegia rossa, ribes rosso e prugna che si mescolano con note di fiori secchi, spezie e cuoio. Il profilo di sapore audace, il corpo pieno e i tannini robusti lo rendono un grande vino da conservare in cantina, anche se può anche essere assaporato ora con una bella bistecca di manzo, costolette alla brace o carni di selvaggina.

Immagine voce

Piemonte - Le Orme Barbera D'asti Docg 2019 Michele Chiarlo 14°

La Barbera è, per definizione, un vino immediato e piacevole. Facile da abbinare e generalmente caratterizzata da un buon rapporto qualità prezzo. Non fa eccezione questa "Sedici mesi Le Orme" di Michele Chiarlo, frutto della vinificazione di uve provenienti da diversi appezzamenti aziendali, tutti caratterizzati da un suolo chiaro e ricco di microelementi. I sedici mesi fanno riferimento alla durata dell'affinamento del vino prima della fase di imbottigliamento. Il risultato è un calice piacevole di colore rosso rubino con riflessi violacei. Al naso dominano le note fruttate, dal lampone alla ciliegia, cui segue una lieve trama speziata. In bocca si conferma particolarmente fruttato ben sostenuto da una spiccata nota acida, tipica per la Barbera. Beverino e di assoluta piacevolezza, questo vino presenta un tannino molto ben integrato e un corpo non eccessivamente pesante. Perfetto per una serata in compagnia, è il vino giusto per accompagnare un pranzo o una cena tipiche piemontesi.

Immagine voce

Sardegna - Cannonau di Sardegna DOC Noras 2020 Cantina di Santadi

Il “Noras” di Santadi è un Cannonau intenso e solare, che racconta bene il territorio dell’isola presentandosi con un’anima mediterranea all’analisi olfattiva. Al palato scorre poi una beva calorosa ben bilanciata, in cui si apprezza la fattura della trama tannica, “disciolta” perfettamente nella struttura generale del “Noras”. Una bottiglia che si può lasciar riposare ancora per qualche anno in bottiglia, per poi assaggiarla in abbinamento a carni alla griglia.
Il “Noras” Santadi è un Cannonau che nasce dalle medesime uve, arricchite nel taglio finale da un 10% di un’altra uva sarda a bacca rossa, il Carignano. Le viti crescono con il sistema dell’alberello, affondando le radici su terreni sabbiosi misti a strati di granito. Il clima si presenta arido e caldo d’estate e abbastanza temperato d’inverno. La vendemmia si svolge durante l’ultima decade di Settembre, e il mosto ottenuto dalla fase di pressatura degli acini fermenta in serbatoi d’acciaio inossidabile, svolgendo anche la malolattica. La fase finale di affinamento si svolge dapprima per 6 mesi in barrique di secondo passaggio, e dopo l’imbottigliamento per altri sei mesi in vetro.
Il Cannonau “Noras” firmato dalla cantina Santadi si annuncia all’occhio con un colore rosso rubino, attraversato da leggeri riflessi che tendono più al granato nell’unghia. Il naso è concentrato e ben definito, con sentori iniziali floreali che poi mutano toccando aromi più fruttati, accennando anche al tabacco e al pellame. Rotondo e ampio al palato, dove entra un sorso fasciante, che si muove in perfetta armonia fra il calore del sole e la freschezza del mare che serve proprio a domarlo; termina con un finale di impronta minerale. Un’etichetta che fa parte della linea delle “eccellenze” della cantina Santadi, e che, nonostante ciò, si presenta con un prezzo davvero molto conveniente.

Immagine voce

Sicilia - Nero d’Avola DOC "Sherazade" 2021 - Donnafugata

Un grande rosso estivo, capace di raccontare tutta la freschezza e la fragranza fruttata dei migliori Nero d’Avola. Un vino carezzevole, vinificato in sole vasche d’acciaio, che stupisce per i continui richiami mediterranei che sa offrire. Anche come aperitivo, il Sicilia Nero d’Avola DOC “Sherazade” di Donnafugata potrebbe sorprendere.
Rosso rubino brillante, al naso offre un bouquet ricco di sentori di frutta rossa tra cui spiccano la fragola, l’amarena e la ciliegia. In bocca è fresco e fragrante, caratterizzato da un tannino carezzevole e da continue note fruttate.
A tutto pasto, lo “Sherazade” di Donnafugata è ideale per accompagnare piatti di pasta al sugo di pomodoro, pesce alla brace, salumi e formaggi poco stagionati. Da provare abbinato alla pizza.

Immagine voce

Toscana - Bolgheri DOC Villa Donoratico 2019 Tenuta Argentiera

Il Bolgheri Villa Donoratico nasce negli splendidi vigneti di Tenuta Argentiera, nella celebre e prestigiosa DOC Bolgheri.
Questo vino viene prodotto con uve Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, raccolte tra l'inizio di settembre e la prima settimana di ottobre, vinificate separatamente. Dopo una macerazione e una fermentazione di circa 20 giorni in acciaio, il vino viene lasciato fermentare e maturare in barrique di rovere francese di Allier e di Tronçais per circa 14 mesi. Segue un affinamento in bottiglia di circa 9 mesi.
Presenta un colore rosso rubino intenso, con trame velate purpuree. All'olfatto risulta un vino di rara complessità, con sentori fruttati di prugna, mirtillo e lampone a cui si accostano note di menta, eucalipto e salvia, arricchite da sentori speziati di cacao, pepe nero e noce moscata, per lasciare spazio nel finale a sensazioni di rosmarino. In bocca si dimostra elegante, grazie ad un tannino fine e strutturato dovuto all'evoluzione in legno. Il finale è persistente con note aromatiche che si legano a fresche sensazioni minerali.
Perfetto se abbinato con piatti elaborati come carni rosse alla griglia, carni in umido e arrosti, è ottimo anche con formaggi ben stagionati.

Immagine voce

Toscana - Morellino di Scansano DOCG 2020 Podere 414

Il Morellino di Scansano dell'Azienda Podere 414, nasce nella zona DOCG del Morellino di Scansano, situato in Toscana.
E' prodotto al 85% da uve Sangiovese e al 15% da uve provenienti da altri vitigni. Le uve vengono raccolte manualmente nel periodo che va da metà Settembre a metà Ottobre. La fermentazione dura circa 15 - 20 giorni ed avviene alla temperatura controllata di 27 - 29° C, successivamente il vino affina per 12 mesi in botti di legno e tonneaux.
Questo Morellino di Scansano è caratterizzato da un colore rosso rubino intenso. Al naso si apre con un intenso bouquet di frutta matura, arricchito da note speziate e sentori legnosi. Al palato risulta deciso, rotondo, ampio, piacevolmente netto, elegante e fluente.

E' perfetto da abbinare a risotti ai funghi ed arrosti aromatici cotti al forno, è ideale da servire con ricette a base di selvaggina e coniglio in umido.

Immagine voce

Toscana - Morellino di Scansano 'Roccapesta' 2021

Il Morellino di Scansano ‘Roccapesta’ della realtà produttiva Roccapesta è un vino rosso capace di mostrare tutto il carattere della Maremma Toscana, territorio in cui il Sangiovese assume caratteristiche spiccatamente mediterranee. In questo areale la cantina Roccapesta alleva ben 30 differenti cloni di Sangiovese, impiantati in condizioni pedologiche e ambientali varie, in modo tale da rivelare le differenti sfaccettature di questo celeberrimo vitigno a bacca nera. Ciò che ha reso grande Roccapesta è stato l’approccio appassionato di ciascun membro della tenuta, volto a valorizzare l’eccellenza del Morellino di Scansano rispettando l’ambiente e l’essenza del territorio.

Roccapesta Morellino di Scansano ‘Roccapesta’ ha origine da una solida base di Sangiovese, cui è aggiunto un 4% di uve Ciliegiolo. Le viti hanno un’età media di 20 anni e poggiano su terreni argillosi ricchi di scheletro, posti a un’altitudine compresa tra i 200 e i 270 metri sul livello del mare. La resa in uva per ettaro è molto bassa e la vendemmia è effettuata interamente a mano con un’attente cernita dei grappoli. Segue la fermentazione alcolica spontanea in vasche di acciaio inox a contatto con le bucce per 22 giorni, al termine dei quali la massa viene travasata in tonneau di rovere per l’invecchiamento di un anno. Dopo ulteriori 12 mesi di affinamento in bottiglia il vino è infine pronto per l’uscita sul mercato.

All’esame visivo il ‘Roccapesta’ Morellino di Scansano della cantina Roccapesta mostra una colorazione rosso rubino dalle sfumature granato. Ampio e intenso il bagaglio olfattivo, composto da sensazioni di ciliegia, fiori rossi e spezie dolci, combinate a sfumature di erbe mediterranee. La progressione al palato è piena, saporita ed equilibrata, con una trama tannica vellutata che accompagna la lunga persistenza gustativa.

Immagine voce

Toscana - 2014 La Gerla Brunello di Montalcino DOCG

Sfumature seducenti di rosa, frutti di bosco, spezie esotiche, fumo e un soffio di erbe grigliate prendono forma in questo rosso profumato. Riflettendo il naso, il palato già accessibile offre amarena, melograno, anice stellato e sentori di tabacco insieme a tannini morbidi e acidità brillante.

Immagine voce

Toscana - Fontodi Filetta Di Lamole Chianti Classico Docg 2019 13,5°

Nel calice ha un colore rosso rubino intenso con riflessi luminosi. Al naso si apre con profumi di petali di violetta, radice di liquirizia, ciliegia, piccoli frutti a bacca rossa, cenni di sottobosco, sensazioni speziate, ricordi di tabacco biondo e cuoio.

Immagine voce

Toscana - Bolgheri Rosso DOC 2020 Grattamacco

Rosso rubino scuro, al naso esprime note fruttate e balsamiche. Completano il quadro aromatico sentori pepati e minerali. L ingresso in bocca è fresco e sapido, con un dolce e pieno equilibrio tannico. Il finale è composto e sostenuto dalla sua complessità aromatica.

Immagine voce

Trentino - Terre Di San Leonardo Igp 2019 Tenuta Di San Leonardo 13°

“Terre di San Leonardo” si presenta in una veste rosso rubino brillante, regalando un bouquet ampio e fruttato, percorso da note erbacee. Ammalia il palato con perfetto equilibrio tra morbidezza, sapidità e trama tannica: la degustazione è solenne. Chiude su note asciutte e piacevolmente amarognole.

Immagine voce

Toscana - Folonari Chianti Classico Docg 2020 Nozzole 14°

Si presenta alla vista con un bel rosso rubino. Aromi intensi di frutti rossi maturi e ciliegia spiritata, uniti a violette e delicate speziature dolci, compongono il quadro olfattivo. Al gusto è ampio, corposo, ma si muove con eleganza alla luce di un tannino che risulta ottimamente fuso nel corpo.

Immagine voce

Toscana - Brunello di Montalcino 2013 DOCG Col d'Orcia

Zona di produzione:
Montalcino - Siena - Località Sant’Angelo in Colle. Terreni collinari con felice esposizione a Mezzogiorno che ne permette l’insolazione per l’intera giornata. Altitudine media 300 m s.l.m.
Andamento climatico:
Il benefico inverno ricco di piogge ha ristabilito il grado di umidità del terreno a livelli ottimali dopo la siccitosa annata 2012. Germogliamento e fioritura sono avvenuti nei periodi tipici degli ultimi anni e l’andamento climatico estivo che non ha registrato valori estremi, ha ricordato le annate “tradizionali” del passato. La vendemmia è iniziata nella seconda metà di settembre, favorita da ottime escursioni termiche e da piogge cadute nei momenti opportuni.
Uva con cui è prodotto:
Cloni particolari di Sangiovese, localmente denominati Brunello.
Raccolta manuale, con rigorosa cernita dei grappoli migliori in vigneto e successivamente sul tavolo di cernita in cantina. Resa massima prevista dal disciplinare di produzione: 80 q/ha. Resa Vendemmia 2013: 46 q/ha.
Vinificazione:
Fermentazione sulle bucce della durata di 18-20 giorni, a temperatura controllata inferiore ai 30° C, in vasche di acciaio da 150 hl basse e larghe, appositamente realizzate per estrarre efficacemente ma delicatamente tannini e colore.
Invecchiamento:
4 anni di cui 3 in botti di rovere di Slavonia e di Allier della capacità di 50 e 75 hl e successivo affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi in locali a temperatura controllata.

Immagine voce

Toscana - Rocca Delle Macie Morellino Di Scansano Docg 2021 - 14,5°

Le note fragranti di ciliegia, di piccoli frutti a bacca rossa, le sfumature floreali e i delicati cenni speziati, conquistano subito l'olfatto. Al palato è di medio corpo con una tessitura tannica fine, un frutto croccante e succoso. Il sorso è agile e limpido, con un finale sapido e fresco.

Immagine voce

Trentino - Lagrein Sanct Valentin Riserva Doc 2020 St Michael Eppan 14°

Il Lagrein Sanct Valentin, che nasce nel 2000, matura per 12 mesi in piccole botti di rovere, a cui seguono ulteriori 6 mesi in botti grandi per renderlo più armonico. Dal carattere robusto, al palato sviluppa una forza poderosa corroborata da un'acidità ben coniugata

Immagine voce

Trentino - Gilfenstein Lagrein Vassal A.A. Dop 2020

Il Lagrein Alto Adige DOC “Vassal” di Gilfenstein si presenta come un rosso autoctono morbido, complesso e molto profumato. Al naso offre sprigiona sentori fruttati e delicatamente speziati, con mirtilli, visciole e peonie, che si integrano perfettamente con note di liquirizia, vaniglia e chiodi di garofano.

Immagine voce

Umbria - Montefalco Sagrantino Collepiano Docg 2018 Arnaldo Caprai 15.5°

Vino rosso rubino fitto e compatto. L'aroma di prugna confettura di frutti di bosco e sentori di pepe nero e chiodi di garofano. Il gusto ricco intenso vigoroso e tannico. Affinamento: 22 mesi in barrique.

Immagine voce

Umbria - Montefalco Rosso Doc 2019 Arnaldo Caprai 14.5°

Rosso rubino, al naso esprime belle note di fiori di campo, frutti rossi e un tocco di noce moscata. Al palato è secco, fresco, caratterizzato da una certa morbidezza in contrapposizione ai tannini. Equilibrato e piacevolissimo, chiude su note appena più amarognole.

Immagine voce

Valle D'Aosta - Syrah Rosso Dop 2019 Les Cretes 13°

Rosso rubino con unghia granata, al naso esprime bei sentori di piccoli frutti di sottobosco, in particolare mora e mirtillo, ed un delicato aroma di spezie. Una traccia di pepe verde apre ad un assaggio armonico, caldo, pieno, caratterizzato dalla speziatura tipica del varietale.

Immagine voce

Veneto - Valpolicella Ripasso Superiore DOC Ripassa 2019 Zenato

Il Valpolicella Ripasso Superiore di Zenato è uno dei rossi veneti per eccellenza, conosciuto in tutto il mondo per la particolare tecnica di vinificazione che lo avvicina moltissimo a quella densa complessità del fratello maggiore Amarone.

Si compone del tradizionale blend di Corvina, presente all’85%, Rondinella, nella quota del 10% e Oseleta, al 5%. Al termine della normale vinificazione in acciaio, il Valpolicella Ripasso sosta sulle vinacce provenienti dall’Amarone per un periodo di circa una settimana. Matura, in seguito, per 18 mesi in tonneaux e per 6 mesi in bottiglia.

Alla vista è rosso rubino scuro, denso. Il ventaglio aromatico che si spalanca al naso coinvolge in ricordi fragola, ciliegia, frutti rossi e una scia di frutta secca. Incede, in bocca, in modo vellutato e si afferma con la solidità di una struttura piena e morbida.

Ottimo con le carni rosse e i formaggi stagionati. Da provare con un controfiletto di manzo ai ferri su crema di zola e noci.

Immagine voce

Veneto - Valpolicella Classico Superiore DOC 2020 Zenato

Il Valpolicella Classico Superiore della cantina Zenato nasce sui terreni intorno a Peschiera del Garda (VR) ed è uno dei grandi rossi veneti a base delle uve rosse autoctone del Veneto.

Si compone del tradizionale blend di Corvina veronese, Rondinella e Corvinone. Alla raccolta manuale delle uve segue la diraspapigiatura e la macerazione per 10 giorni in tini di acciaio, per concludere con l'affinamento in tonneaux di rovere per circa 12 mesi.

Alla vista è rosso rubino scuro, denso. Il ventaglio aromatico ricorda sentori di viola, poi di frutti rossi, ciliegia e prugna, con note speziate e balsamiche. Il sorso è secco e caldo, svela tannini ben educati e una buona persistenza di sensazioni fruttate.

Ottimo con le carni rosse arrosto e in umido, ma anche con formaggi stagionati.

Immagine voce

Veneto - Valpolicella Valpantena Doc 2021 Bertani 12°

Al calice si presenta con un color rosso rubino luminoso. Dall'esame olfattivo si evince un bouquet estremamente fresco, con note fruttate di ribes e melograno, amalgamato ad aromi speziati e aromatici. All'assaggio denota sin dal primo sorso una grande bevibilità, tipica del Valpolicella.

Immagine voce

Veneto - Allegrini - Amarone Della Valpolicella DOCG La Groletta Corte Giara 2019

IL NUOVO VOLTO DELL'AMARONE
L’Amarone della Valpolicella Corte Giara rappresenta un’interpretazione eclettica e moderna della tradizione vitivinicola veronese che nasce da un progetto sviluppato nel 1989 ad opera della famiglia Allegrini, rispondendo all'esigenza di adattare la produzione classica al consumo quotidiano. Questo Amarone rispecchia fedelmente la tradizione che lo rende un grande rosso di fama internazionale, ma esprime al contempo uno stile moderno, al passo con l’evoluzione del gusto contemporaneo. Oltre a replicare i tradizionali procedimenti richiesti per la sua vinificazione, troviamo uno specifico affinamento di 15 mesi che gli conferisce peculiare intensità ed equilibrio, rendendolo gradevole anche ai palati meno allenati.

Alla vista di presenta di un color rosso rubino impenetrabile e di piena consistenza. Sbalorditivo il bouquet aromatico per la potenza del frutto rosso surmaturo, ma ancora croccante e polposo, incorniciato da una bella speziatura, pepe e chiodi di garofano, seguita da accenni minerali ed un'elegante sfumatura di tabacco. Il sorso è pieno, avvolgente, intenso e morbido, perfettamente bilanciato da una freschezza di frutta croccante e da un tannino dolce e ben integrato.

Ottimo per accompagnare grandi brasati e selvaggina in genere, formaggi di lunga stagionatura, ma anche da solo per meditazione.

Immagine voce

Venezia - Rosso IGT "Rivarossa" 2018 - Schiopetto

Prodotto per la prima volta nel 1968, il Venezia Giulia Rosso IGT Rivarossa, etichettato Schiopetto, è uno storico assemblaggio aziendale, basato su uve di merlot cui viene aggiunta una percentuale di cabernet sauvignon, più o meno costante di stagione in stagione. Invecchia in botti di rovere per 14 mesi, così da arrivare a esprimere tutto il suo potente carattere, determinato, deciso ma sempre bilanciato ed equilibrato.
Rosso rubino intenso alla vista. Ciliegia nera, prugne e ribes aprono lolfattiva, che si sviluppa poi sui toni di tabacco, liquirizia, chiodi di garofano e cacao amaro. Potente la beva, ricca e corposa, ben equilibrata e profonda. Densa la trama tannica e lunga la persistenza.
Da abbinare alle portate a base di carne rossa, è perfetto insieme all'ossobuco con le patate.

Immagine voce

Veneto - Valpolicella Ripasso Doc 2019 Zenato 14°

Rosso rubino impenetrabile, profuma di amarene in confettura, viola appassita e chiodi di garofano, cioccolatino al liquore, noce e vaniglia. Ricco e pieno al palato, perfettamente equilibrato tra morbidezza ed acidità, con tannini vellutati e lunga persistenza fruttata.

Immagine voce

Alto Adige - Pinot Nero IGT “Meczan” 2022 - Hofstätter

Proveniente dai vigneti di Mazzon, universalmente considerata come la patria dei migliori Pinot Nero italiani, il Meczan di Hofstätter è vino di grande tipicità, ideale per chi in questa tipologia di vini cerca soprattutto morbidezza, fragranza ed un netto carattere fruttato. Vinificato parzialmente con i raspi e sulle bucce e lasciato maturare in solo acciaio è vino che spicca per finezza e aderenza territoriale.
Rosso rubino vivace con sfumature granate, al naso esprime profumi freschi, esuberanti, accattivanti di piccoli frutti di bosco e di ciliegia. In bocca è molto armonico, equilibrato, privo di spigoli, ricco di gusto e fine al palato. Elegante e disteso, chiude con un finale di grande pulizia e persistenza.
A tutto pasto, il Pinot Nero Meczan di Hofstätter ben si abbina a piatti a base di pollame nobile, arrosti, primi con ragù di carne.

Immagine voce

Abruzzo-Montepulciano d'Abruzzo-Testarossa-Pasetti

Colore rosso rubino profondo. Sentori di frutta rossa matura, viola appassita e di sottobosco come prugne, amarene e spiccati aromi terziari di eucalipto, liquirizia, cioccolato e tabacco. Vino caldo, robusto, dai tannini eleganti, di buona struttura e lunga persistenza.